logotop goltop
Lunedì, 1 Marzo 2021;
Dati meteo a Gattinara
Grazie alla stazione meteo di Graziano Chieregato
Temperatura corrente
Temperatura massima del giorno
Temperatura minima del giorno
mail logo_fb logotw
CALENDARIO EVENTI
logoedg
freccia
Gli appuntamenti dei prossimi 7 giorni
Non ci sono eventi in archivio nei prossimi 7 giorni
GALLERIA IMMAGINI
San Pietro
Storia
Contatti
Ci hanno scritto
Lettere a Gattinara on line
Il GIORNO del RICORDO 10 febbraio in memoria delle vittime Istriane
Oggetto
Mercoledì 10 Febbraio 2021
Data
Gianni Manfredini
Mittente
Egr. Sig. Sindaco di Gattinara, oggi 10 febbraio è la GIORNATA NAZIONALE del RICORDO in memoria delle vittime, infoibate, Istriane, Fiumane e Dalmate operate dai partigiani titini dal 1943 in poi, un immane genocidio. Il Presidente
della Repubblica CARLO AZEGLIO CIAMPI conferì la Medaglia d'Oro al Valor Civile a queste vittime. A Gattinara è stata dedicata una Piazza ai Martiri delle FOIBE. In Istria nel 1943 fu violentata, massacrata e infoibata (ancora viva) NORMA COSSETTO, studentessa universitaria di lettere e filosofia. La sorella Licia è deceduta nel 2013 a novanta anni a Ghemme. Nel giorno della sepoltura la Chiesa era gremita di cittadini e il Comune di GHEMME proclamò il Lutto cittadino.
Vengo al dunque. Il Comune di Gattinara per ricordare il sacrificio di NORMA potrebbe dedicarle una via, oppure, aggiungere nella Piazza Martiri delle FOIBE il nome di NORMA COSSETTO.
Viva l'Italia
Gianni Manfredini
Gattinara, lì 10 febbraio 2021 (anniversario del GIORNO DEL RICORDO)
Commenti: 7 - >Scrivi un commento
Ennio Bertona
Stasera il tg2 ha ricordato le foibe e la cerimonia a Basovizza.
Poi è stata inquadrata una lapide, il nome: Norma Cossetto.

10-02-2021 21:01:24
gianni manfredini
I monumenti equestri di Giuseppe Garibaldi in Italia, Francia e in America
sono più di cinquanta e tutte ben conservate e restaurate. Personalmente ricordo la monumentale scultura del medesimo a San Remo, prospicente alla spiaggia frequentata dal sottoscritto e famiglia dal 1978.
Non vedo perché oltre a Basovizza non si possa ricordarla anche a Gattinara.
Cordialmente
Gianni Manfredini
Gattinara, lì 10/febbraio/2021
10-02-2021 23:15:29
Vittorio Terzano
Da Wikipedia,”Massacri delle foibe” :
“... la tesi del "genocidio nazionale" degli italiani,
secondo cui gli italiani furono perseguitati in quanto tali
("colpevoli solo di essere italiani"), ....
... la ricerca storica ne ha rilevato l'inconsistenza,
non essendosi mai potuto dimostrare che le stragi avessero
come obiettivo una "pulizia etnica" degli italiani.
Il numero delle vittime, pur elevato,
è infatti lontano dalla dimensioni di un genocidio;
inoltre la repressione jugoslava del 1945 ebbe sicuramente
finalità intimidatorie nei confronti dell'intera comunità italiana,
tuttavia queste sono da collegare non tanto a un progetto di espulsione
(che prese effettivamente corpo solo negli anni successivi),
quanto alla volontà di far comprendere nel modo più drastico agli italiani,
che sarebbero potuti sopravvivere nella nuova Jugoslavia,
solo se avessero accettato il nuovo regime,
assieme a tutti i suoi obiettivi di ordine politico, nazionale e sociale....”
Al dilà del giudizio storico, rimangono immutati , se possibile accresciuti
la condanna per gli assassinii, l’orrore per le crudeltà ,
la pietas per i morti, la solidarietà per i loro parenti e per gli esuli.
Vittorio


11-02-2021 15:32:06
Ennio Bertona
Dissento totalmente.
Per "invitare" gli stranieri perdenti ad accettare il nuovo regime non è che se ne deportano da 6000 a 11000, la metà donne e bambini, gli si spara un colpo e li si butta in una foiba. E spesso vennero buttati giù vivi.

Non le sembra un genocidio? Va bene, diamogli un altro nome!

Anche in quel contesto storico è un crimine di guerra, ancor più odioso a guerra teoricamente finita, un crimine e nient'altro, non tra soldati combattenti su fronti opposti, ma eseguito da milizie armate contro civili inermi.

Purtroppo è il cancro della guerra, i vincitori da sempre si divertono con la vita dei deboli, dei perdenti attuali.
Un cancro orribile sempre, e mai giustificabile.

C'è ancora chi pensa che quei poveracci hanno pagato i crimini del nazi-fascismo, ma allora i crimini dei titini chi li ha pagati?
11-02-2021 16:49:29
Vittorio Terzano
Io non dissento totalmente .
Sono pienamente d’accordo con lei su criminali e crimini di guerra.
Ma sono sicuro che anche Lei non dissente dal finale del mio post.
E pur essendo sicuro che non si riferisse a me, ribadisco
che i crimini dell’uno non possano mai giustificare i crimini dell’altro.
Fascisti o partigiani che siano.
Per quanto si riferisce alle presunte ragioni dei massacri delle foibe,
non sono, ovviamente , farina del mio sacco: mi sono rifatto a storici seri.
Per dirne uno noto a tutti, Alessandro Barbero.
Sono comunque tesi opinabili ma di sicuro non vogliono
né giustificare e né togliere gravità alle stragi.
Quanto al termine genocidio mi pare che, ad usarlo impropriamente,
lo si svilisca e si tolga senso ed importanza,
a quelli che lo furono veramente, come quello degli ebrei.
Cordialmente
Vittorio

11-02-2021 20:13:34
Ennio Bertona
Sì, totalmente era parola di troppo, rileggendo.
In fondo ciò che mi premeva era sottolineare con forza che per adeguare la popolazione ad un nuovo regime, non occorre ucciderne 10000...
Per il resto (finalmente, dirà lei...) d'accordo!
Saluti.
12-02-2021 14:01:03
Gian Piero Marcon
https://www.youtube.com/watch?v=RURuYncCSlw&t=735s
14-02-2021 11:45:37
Pannello di riconoscimento utente dei commenti
Nome
Parola chiave
Non sei ancora registrato?
Hai dimenticato la password?
Articolo:
Utente:
Commento:
Il commento è stato inserito correttamente
Inserisci i tuoi dati
Nome
Cognome
E-mail
Scegli il tuo nome utente
Scegli la tua parola chiave
Riscrivi la parola chiave
Inserisci il tuo indirizzo e-mail
Tieni presente che L'indirizzo e-mail che inserisci deve essere
esattamente lo stesso che hai inserito quando ti sei registrato
Il tuo indirizzo e-mail
© 2013 Gattinara on line - Privacy - Credits
X
Sara Bergando:Progetto grafico e gestione pagina Facebook
www.sarabergando.com
Vittorio Delsignore:Sincronizzazione con i social networks
Consulenza tecnica
Gianni Delsignore:Tutto il resto