logotop goltop
Mercoledì, 20 Giugno 2018;
Dati meteo a Gattinara
Grazie alla stazione meteo di Graziano Chieregato
Temperatura corrente
Temperatura massima del giorno
Temperatura minima del giorno
mail logo_fb logotw
CALENDARIO EVENTI
logoedg
freccia
Gli appuntamenti dei prossimi 7 giorni
Mercoledì
20-06-2018
21:00
Piazza Italia. Corteo per la deposizione di fiori sulle lapidi delle vittime del bobardamento
Domenica
24-06-2018
10:30
Santa Messa in suffragio delle vittime del bombardamento.
GALLERIA IMMAGINI
San Pietro
Storia
Contatti
Notiziario
04-03-2018
Ghemme, Spazio E - "Essere donna". Un otto marzo d'arte e letteratura
Venerdì 2 marzo nelle caratteristiche salette settecentesche di Spazio E. a Ghemme è stata inaugurata la sesta edizione di ESSERE DONNA, una collettiva d'arte dedicata all'universo femminile: diverse le tematiche affrontate, sempre in continuità con le scelte artistiche di questa singolare galleria inserita nel ricetto e parte integrante di un raffinato ristorante. La titolare, Enrica Pedretti, è molto attenta e severa nel selezionare contenuti artistici di valore, così come, nel campo della ristorazione, è impegnata in una costante ricerca, ispirata ad abbinamenti di prodotti del territorio originali ed esclusivi.
Nella prima sala aprono la mostra i lavori di Mauro Lovisetti: l'artista vercellese presenta una serie di sofisticati quadri dedicati alle bambine con i giocattoli, un soggetto ricorrente nei suoi lavori; Davide Avogadro con tre quadri dal titolo "Donna Fauno", è esponente del gruppo Nuova Figurazione Italiana; Silvana Marra, scultrice che si caratterizza per una profonda riflessione sul mondo esistenziale femminile, espone "Bagnante"," Bozzolo"," Eva,"; Michele Tria, scultore e pittore, ha portato due opere, una scultura titolata: "Seme di Maggio" e un disegno: "Nudo nello Studio"; la sala si completa con due tele di Barbara Pietrasanta: "Speachless" e "The Blak Hole".
Nella seconda sala è presente Pietro Poletti, con la grande tela "Maternità", opera affascinante e coinvolgente; Florine Offelgelt con "Eskimo Kissing": due piccole sfere che sono una sua personalissima cifra stilistica.
In questo spazio è avvenuta la presentazione della personalità e del temperamento artistico di due artiste, recentemente scomparse, che erano state presenze importanti a Spazio E: Rosella Osta Sella e Ada Negri.
Rosella Osta Sella, pittrice e scrittrice, oltre che studiosa delle tradizioni popolari, che nel 2005 aveva anche firmato la presentazione del primo libro di Enrica Pedretti: “Cucinario. Poetica della mescolanza”, è rappresentata da due opere emblematiche: una raffigura una donna pensosa appoggiata ad una porta chiusa, metafora di scelte e di consapevolezza, l’altra offre dei vestiti gonfi di vita appesi a delle grucce, che rivelano l’eterno “femminino”, incarnato dall’artista in una vita piena e ricca di interessi.
Della pittrice Ada Negri, è esposto il disegno "Donna", proveniente da una collezione privata, che penetra con segni scarni la forza e la vitalità dell’universo femminile. Erano presenti Franco Sella, marito di Rosella e Monsignor Gianluca Gonzino nipote di Ada Negri.
Nella terza sala si possono ammirare alcune opere di Anna Galli, scultrice che lavora sperimentando vari materiali e ha guidato per molti anni il gruppo di scultori scenografi della Scala di Milano; Damiana Degaudenzi ha scelto: "Resilienza Genealogica" una singolare tela con delle radiografie, che simbolizzano l’interiorità dell’animo femminile, forte ed in grado di trasformare in positività anche eventi drammatici; Carlo Olivero espone un intenso ritratto fotografico dal titolo. "Caterina o Le Donne salveranno il Mondo"; Nadia Crosignani, milanese, è presente con due quadri: "Incroci", "Verde improbabile"; Caterina Del Nero, la più giovane artista della collettiva, con "Autoritratto 2017".
Nella sala finale Cate Maggia con: "La Passione di Essere Donna" un'installazione curata dall'artista e titolare di Spazio E. Enrica Pedretti, che richiama l'attenzione sulla condizione attuale del femminile, visualizzando le violenze psicologiche e fisiche che la cronaca ci segnala ogni giorno, che si contrappongono alla passione, che si intravede in un velo disteso, realizzato a cera.
Dopo l’arte la letteratura, l’intenso pomeriggio si è concluso con la presentazione del giallo psicologico al femminile dell’artista e scrittrice oleggese Luisa Marangon: “Cabouchon rouge”, titolo ispirato ad un famoso vino della Francia Corta, che evoca il rosso della passione e del delitto. La protagonista del giallo, Isabella, si muove in una Milano caotica tra delitti apparentemente insolubili, ma è in realtà questo è un pretesto per riflettere sull’amore e sulla difficoltà di amare. Luisa Marangon sta per pubblicare un nuovo giallo, ambientato nel mondo dei “social”: “Single fino alla morte”.

La mostra è aperta fino a domenica 15 aprile 2018, dalle 16 alle 22 il giovedì e dalle 11 alle 22 da venerdì a domenica.

immagine


immagine

Piera Mazzone

(pagina stampabile)

Commenti: 0 - Scrivi un commento - (commenti nuova versione sperimentale)
Pannello di riconoscimento utente dei commenti
Nome
Parola chiave
Non sei ancora registrato?
Hai dimenticato la password?
Articolo:
Utente:
Commento:
Il commento è stato inserito correttamente
Inserisci i tuoi dati
Nome
Cognome
E-mail
Scegli il tuo nome utente
Scegli la tua parola chiave
Riscrivi la parola chiave
Inserisci il tuo indirizzo e-mail
Tieni presente che L'indirizzo e-mail che inserisci deve essere
esattamente lo stesso che hai inserito quando ti sei registrato
Il tuo indirizzo e-mail
© 2013 Gattinara on line - Privacy - Credits
X
Sara Bergando:Progetto grafico e gestione pagina Facebook
www.sarabergando.com
Vittorio Delsignore:Sincronizzazione con i social networks
Consulenza tecnica
Gianni Delsignore:Tutto il resto